CONSIGLI PULIZIA OCCHIALI DA VISTA E CORONAVIRUS – RAGUSA

pulizia occhiali da vista e coronavirus

Gli occhiali da vista sono indispensabili per chi ha difetti visivi ma soprattutto in questo periodo di pandemia diventano uno scudo per la protezione degli occhi dal virus. Gli occhiali infatti possono essere uno “scudo parziale” tra l’occhio e le goccioline di saliva trasportate dall’aria, attraverso le quali viene trasmesso il coronavirus.

Quando si esce di casa per andare al supermercato o in farmacia, ormai non si può fare a meno di indossare la mascherina, capace di proteggere le vie respiratorie, ma portare gli occhiali da vista consente di proteggere la parte superiore del viso non coperto dalla mascherina. Ci sono però alcuni fattori da tenere in considerazione per quanto riguarda gli occhiali da vista.

Alcuni virus come il COVID-19 possono rimanere sulle superfici degli occhiali per ore, e possono poi essere trasferiti sulle dita e sul volto di chi li maneggia e li indossa. Il virus non muore subito, continua a rimanere sulla superficie ed è per questo che bisogna pulire in modo accurato proprio come si fa con le mani. Quindi è indispensabile disinfettare gli occhiali correttamente per evitare il rischio di contagio.

Ciò vale in maniera particolare per i presbiti che utilizzano occhiali da lettura e possono indossarli e toglierli più volte al giorno. Tra l’altro la fascia di età dei presbiti sembra essere la più vulnerabile per lo sviluppo del coronavirus.

Quando si ritorna a casa dunque dopo aver lavato accuratamente le mani, è necessario lavare gli occhiali con acqua e sapone neutro oppure, per essere più accurati, con una soluzione a base di acqua e alcol al 70%. A questo punto, potranno essere asciugati con una pezza morbida e poi indossati.

Ora più che mai è indispensabile fare attenzione e attuare i consigli in materia di igiene e sicurezza al fine di combattere concretamente la diffusione del nuovo coronavirus.

Possono essere utilizzate anche le lenti a contatto ma bisogna porre un’attenzione molto maggiore perché questa vanno a diretto contatto con gli occhi.

Una volta superata la quarantena la speranza è quella che questi consigli possano diventare una sana e buona abitudine da attuare per sempre.

Per esigenze, necessità, visite specialistiche e maggiori informazioni potete contattare il contattologo Luigi Marchi a Ragusa: www.luigimarchi.it/contact/

 

Leave a Reply